ORARI S.MESSE

Trovate gli orari sempre aggiornati
nel foglio settimanale


ORARI UFFICIO

Durante il periodo delle limitazioni per pandemia l’Ufficio parrocchiale rimane chiuso. Per prenotare le Sante Messe telefonare al 045 7570038 oppure in sacrestia al termine delle Messe.


SCRIVI AL PARROCO

Leggi

2010-03-24
QUARESIMA 2010
Quinta settimana

2010-03-24

MERCOLEDI' 24 MARZO - VERITA'

Dal Vangelo secondo Giovanni 8,31-42

In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: “Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”. Gli risposero: “Noi siamo discendenza di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi tu dire: Diventerete liberi?”.
Gesù rispose: “In verità, in verità vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora lo schiavo non resta per sempre nella casa, ma il figlio vi resta sempre; se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenza di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova posto in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro!”.
Gli risposero: “Il nostro padre è Abramo”.
Rispose Gesù: “Se siete figli di Abramo, fate le opere di Abramo! Ora invece cercate di uccidere me, che vi ho detto la verità udita da Dio; questo, Abramo non l'ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro”.
Gli risposero: “Noi non siamo nati da prostituzione, noi abbiamo un solo Padre, Dio!”. Disse loro Gesù: “Se Dio fosse vostro Padre, certo mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato”.

 

RIFLESSIONE:

Gesù sta parlando a dei Giudei che si sono appena convertiti, gli dice che la Verità li farà liberi; loro subito gli dicono di non essere mai stati schiavi di nessuno. Quante volte anche noi ci crediamo liberi, ma siamo schiavi, schiavi dei vizi, del consumismo, della società. Gesù come sempre ci mette davanti alla Verità: vuoi ascoltarlo o ignorarlo?

PREGHIAMO:

Signore tu mi dici che chiunque commette peccato è schiavo del peccato; aiutami a non temere ad ammettere quando sbaglio, solo così allora riuscirò ad essere veramente libero.

IMPEGNO:

Oggi mi impegno a guardarmi dentro e a cercare i miei sbagli, per confidarli al Signore, che mi può liberare nella confessione.



Indietro
LITURGIA DEL GIORNO
VAI AL VANGELO DEL GIORNO

SANTO DEL MESE

Santo Stefano Primo martire
26 dicembre

U.N.I.T.A.L.S.I.