ORARI S.MESSE

Trovate gli orari sempre aggiornati
nel foglio settimanale


ORARI UFFICIO

Durante il periodo delle limitazioni per pandemia l’Ufficio parrocchiale rimane chiuso. Per prenotare le Sante Messe telefonare al 045 7570038 oppure in sacrestia al termine delle Messe.


SCRIVI AL PARROCO

Leggi

2010-03-05
QUARESIMA 2010
Seconda settimana

2010-03-05

VENERDI' 05 MARZO - RISPETTO

Dal Vangelo secondo Matteo 21,33-43.45-46

In quel tempo, Gesù disse ai principi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: “Ascoltate un’altra parabola: C’era un padrone che piantò una vigna e la circondò con una siepe, vi scavò un frantoio, vi costruì una torre, poi l’affidò a dei vignaioli e se ne andò. Quando fu il tempo dei frutti, mandò i suoi servi da quei vignaioli a ritirare il raccolto. Ma quei vignaioli presero i servi e uno lo bastonarono, l’altro lo uccisero, l’altro lo lapidarono. Di nuovo mandò altri servi più numerosi dei primi, ma quelli si comportarono nello stesso modo. Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: Avranno rispetto di mio figlio! Ma quei vignaioli, visto il figlio, dissero tra sé: Costui è l’erede; venite, uccidiamolo, e avremo noi l’eredità. E, presolo, lo cacciarono fuori della vigna e l’uccisero. Quando dunque verrà il padrone della vigna che farà a quei vignaioli?”. Gli rispondono: “Farà morire miseramente quei malvagi e darà la vigna ad altri vignaioli che gli consegneranno i frutti a suo tempo”. E Gesù disse loro: “Non avete mai letto nelle Scritture: ‘‘La pietra che i costruttori hanno scartata è diventata testata d’angolo; dal Signore è stato fatto questo ed è mirabile agli occhi nostri’’? Perciò io vi dico: vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare”. Udite queste parabole, i sommi sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro e cercavano di catturarlo; ma avevano paura della folla che lo considerava un profeta.

RIFLESSIONE:

Gesù è nei tuoi fratelli. Dio padre ogni giorno ti manda il suo unico figlio. E' in tutte le persone che ti circondano, anche in quell'ammalato, straniero, "dimenticato" nemico, genitore, amico, parente .... Ma tu come tratti le persone che ti stanno accanto? Hai rispetto di loro? Sai vincere ogni giorno in comunione con il tuo fratello? "Uccidi" l'amico dei tuoi fratelli con degli insulti? Gesù, però, non ti giudica per quella cosa che hai fatto, Lui è buono con te, ti ha dato tutto e ancora adesso lui si dona a te senza risparmio.

PREGHIAMO:

O Signore, ti prego perchè io sappia sempre accogliere gli altri. Signore fa che io sappia accettare ed accogliere gli altri ma fa anche che gli altri mi sappiano accettare. Signore fa che tutta la tua chiesa sappia vivere secondo il tuo modello di amore e di bontà infinita.

IMPEGNO:

Oggi mi impegno ad accogliere quel mio compagno/a o conoscente che non mi sta simpatico e cerco di trascorrere più tempo con lui/lei. E in un momento di preghiera la/lo offriamo a Dio.



Indietro
LITURGIA DEL GIORNO
VAI AL VANGELO DEL GIORNO

SANTO DEL MESE

Sant'Andrea Apostolo
30 novembre

U.N.I.T.A.L.S.I.