ORARI S.MESSE

Trovate gli orari sempre aggiornati
nel foglio settimanale


ORARI UFFICIO

Durante il periodo delle limitazioni per pandemia l’Ufficio parrocchiale rimane chiuso. Per prenotare le Sante Messe telefonare al 045 7570038 oppure in sacrestia al termine delle Messe.


SCRIVI AL PARROCO

Leggi

2009-12-09
In Cammino
AVVENTO 2009

Seconda Settimana di AVVENTO - Raddrizzate i sentieri! 

Mercoledì 9 dicembre,  "Venite a me!"

Dal Vangelo secondo Matteo

Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero».

Commento

Quante volte abbiamo provato la sensazione della fatica, magari addirittura dell'oppressione. Quante volte sentiamo che i nostri limiti e peccati ci schiacciano e non ci fanno sentire liberi. Quante volte sentiamo il cuore colmo della volontà di fare bene, di amare e subito dopo ci accorgiamo della facilità con cui ricadiamo nei nostri egoismi. Per ciascuna di queste volte Gesù ci dice con estrema dolcezza: "Venite a me" e "Imparate da me". Ci dice che tutto quello che ci opprime non può avere l'ultima parola. Noi siamo e valiamo molto di più! Per superare la crisi, per introdurci nel profondo mistero del senso della vita, dobbiamo però farci come lui, miti e umili di cuore davanti a tutto ciò che opprime, senza che se ne veda un senso. Allo stesso tempoperò Gesù ci invita a consegnarli le nostre fatiche: solo così saremo pronti per riprendere il carico, che non ci sembrerà più pesante, ma nostro, proporzionato a noi. Lui ci assicura che così troveremo quel ristoro capace di colmare l'inquietudine del nostro cuore.   

Preghiera

Dammi coraggio: ti prego, non togliermi i pericoli, ma aiutami ad affrontarli. Non calmare le mie pene, ma aiutami a superarle. Non darmi alleati nella lotta della vita ... eccetto la forza che mi proviene da te. Non donarmi salvezza nella paura, ma pazienza per conquistare la mia libertà. Concedimi di non essere un vigliacco usurpando la tua grazia nel successo; ma non mi manchi la stretta della tua mano nel mio fallimento. (R.Tagore) 

DOMANDA: come vivo le mie croci? da solo ... o portandole con il Signore?



Indietro
LITURGIA DEL GIORNO
VAI AL VANGELO DEL GIORNO

SANTO DEL MESE

Sant'Andrea Apostolo
30 novembre

U.N.I.T.A.L.S.I.