ORARI S.MESSE

Trovate gli orari sempre aggiornati
nel foglio settimanale


ORARI UFFICIO

Durante il periodo delle limitazioni per pandemia l’Ufficio parrocchiale rimane chiuso. Per prenotare le Sante Messe telefonare al 045 7570038 oppure in sacrestia al termine delle Messe.


SCRIVI AL PARROCO

Leggi

2009-12-02
AVVENTO 2009

Prima Settimana di AVVENTO - Vegliate

Mercoledi' 2 dicembre, Ho bisogno di te !

Dal Vangelo secondo Matteo

Allontanatosi di là, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, si fermò là.
Attorno a lui si radunò molta folla recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì.
E la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi raddrizzati, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E glorificava il Dio di Israele.
Allora Gesù chiamò a sé i discepoli e disse: «Sento compassione di questa folla: ormai da tre giorni mi vengono dietro e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non svengano lungo la strada».
E i discepoli gli dissero: «Dove potremo noi trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?».
Ma Gesù domandò: «Quanti pani avete?». Risposero: «Sette, e pochi pesciolini».
Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra,
Gesù prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò, li dava ai discepoli, e i discepoli li distribuivano alla folla.
Tutti mangiarono e furono saziati. Dei pezzi avanzati portarono via sette sporte piene

Commento

Non sempre ci accorgiamo dei problemi degli altri; avolte siamo presi da noi stessi, dalle nostre cose... ma anche in questo Gesù ci dà un messaggio di amore, non di condanna; nn ci fa sentire in colpa ma ci guida a capire ed amare di più. Così ha fatto con i sui discepoli: in cammino da giorni non avevano proprio pensato alle folle, che forse avevano bisogno di mangiare ! Però Gesù non si mette da solo a risolvere i problemi di tutti, ma coinvolge i discepoli senza giudicarli, fa loro notare il problema e si fa aiutare da loro. Con una grande delicatezza parla con loro prima di agire, perchè entrino anch'essi nell'ottica della sua compassione verso i bisognosi. In fondo ogni giorno lo puoi vivere così: "Eccoti signore quello che sono, eccoti i miei pani e i miei pesci. Fa che insieme possiamo sfamare d'amore il mondo !" 

Preghiera

Vivere è abbandonarsi come un gabbiano all'ebrezza del vento. Vivere è assaporare l'avventura della libertà. Vivere è stendere l'ala, l'unica ala, con la fiducia di chi sa di avere nel volo un partner grande come Te! Signore, Tu mi hai dato il compito di abbracciare anche il mio fratello e di aiutarlo a volare. Non farmi lasciare il prossimo nel vestibolo malinconico della vita dove si "tira a campare", dove si vegeta solo. Non farmi passare indifferente vicino al fratello che è rimasto con l'ala, l'unica ala impigliata nella rete della miseria e della solitudine e si è ormai persuaso di non essere più degno di volare con Te (don Tonino Bello)

IMPEGNO: prsta attenzione a chi oggi ti chiederà qualcosa: aiuto, comprensione, cose ...

 



Indietro
LITURGIA DEL GIORNO
VAI AL VANGELO DEL GIORNO

SANTO DEL MESE

Sant'Andrea Apostolo
30 novembre

U.N.I.T.A.L.S.I.